ICT-Prospacersirmifida inform
24.11.2016

Manutenzione nelle Industrie e Infrastrutture 4.0


La parola ad A.I.MAN.


Il Congresso Nazionale annuale di A.I.MAN. ha fatto il punto su “Manutenzione nelle Industrie e Infrastrutture 4.0”.
L’Associazione, fondata nel 1959, è finalizzata alla diffusione ed allo sviluppo della cultura e della professionalità nel settore della Manutenzione in Italia: attività che riveste un ruolo di primaria importanza nelle industrie e nei servizi, in ragione del suo rilevante impatto su disponibilità degli impianti, sicurezza sul lavoro, qualità e costo del prodotto.
La giornata di lavori di Firenze si è inquadrata a novembre nel contesto del Piano Nazionale Industria 4.0. Il Congresso ha offerto diversi spunti di riflessione non solo attraverso la presenza di opinion leader ma anche grazie all’illustrazione di casi concreti di successo che hanno messo in luce i benefici e le opportunità che è possibile cogliere nell’attività di manutenzione.
Annamaria Di Ruscio, Amministratore Delegato di NetConsulting cube, ha presentato i dati di una survey condotta su 80 gruppi dedicati alla manutenzione appartenenti ad aziende industriali, di distribuzione e di servizi associate A.I.MAN., e ha sottolineato come per cogliere appieno i benefici della manutenzione evoluta sia necessaria una visione globale di Industria 4.0.
Sulla base dei risultati della survey su Manutenzione 4.0 e delle sue correlazioni con il Piano Calenda, tutti i partecipanti hanno concordato sulle grandi opportunità del comparto, pur esprimendo auspici in merito alla reale concretizzazione del Piano e all’attivazione dei relativi incentivi. Le aziende stanno avviando un percorso di trasformazione verso Manutenzione 4.0 e Industria 4.0, ma siamo ancora alla fase “i motori si stanno scaldando”. I gap più importanti da colmare riguardano competenze, investimenti e modelli organizzativi, con una auspicata maggiore vicinanza del mondo della manutenzione con le funzioni ICT aziendali.
La strada tracciata comprende molte componenti chiave, fra cui azioni tese alla riduzione delle barriere culturali, grazie ad una maggiore conoscenza dei benefici e dei rischi, all’adeguato dimensionamento degli investimenti, alla migliore conoscenza delle soluzioni tecnologiche disponibili sul mercato.