ICT-Prospacersirmifida inform
06.07.2015

Consip: record di mini-acquisti online


Resta da capire perché chi ben fa non abbia continuità manageriale…


Il bilancio 2014 di Consip, la società del MEF che lavora al servizio esclusivo della razionalizzazione degli acquisti della PA, evidenzia una spesa presidiata di 38,1 Mld€, gare bandite per 13,5 Mld€ e un valore di acquistato della PA tramite i suoi strumenti per 7,5 Mld€.
Tra i numeri approvati, spiccano i valori da record del Mepa, il Mercato elettronico della PA.
I beni e i servizi comprati dalla PA nel 2014 tramite questo strumento ammontano infatti a 1,46 Mld€, con un incremento del 62% rispetto al 2013, tramite oltre 523mila ordini, in aumento anch’essi del 55%. La performance prosegue anche nel 2015 con 636 M€ di acquisti da gennaio a maggio, con un altro balzo del 42% rispetto allo stesso periodo del 2014.
Il trend di crescita si è innescato, in particolare, a partire dal 2013, quando ha cominciato ad avere effetto l’introduzione del decreto legge del 2012 sulla spending review, che ha esteso il perimetro delle amministrazioni ed enti pubblici obbligati a fare acquisti centralizzati.
Sembra che le amministrazioni abbiano scelto il Mepa per i piccoli acquisti sotto la soglia europea, pari a 134mila € per i Ministeri e 207mila € per le altre PA, come alternativa al doversi attrezzare per la gestione di trattative dirette.
Sarebbe interessante un confronto fra Mepa e le varie piattaforme online regionali; nate come se Internet in Italia dovesse tener da conto delle geografie dei campanili.
Ovviamente, i migliori auguri di buon lavoro dalla nostra redazione a Luigi Marroni, neo AD di Consip, ed un caro saluto a Domenico Casalino, nella speranza di vedergli assumere un ruolo chiave nei processi di digitalizzazione del Paese.