ICT-Prospacersirmifida inform
15.04.2015

Cosa vogliono gli italiani dalla tecnologia?


I nuovi trend del comportamento digitale fra personalizzazione e privacy

 

I consumatori oggi, sempre più aggiornati e attenti alle novità, sanno come la tecnologia può essere loro d’aiuto, come le aziende possono allinearla alle loro esigenze e come, soprattutto, possono "difendersene".

Le nuove parole chiave sono personalizzazione e privacy, intese come il desiderio del consumatore moderno di fruire di servizi a propria misura, oggi possibili perché le aziende ne raccolgono online le informazioni personali, e l’esigenza di tutelare la privacy scegliendo dove, come e quando permettere l’utilizzo dei propri dati personali.

Questo è ciò che emerge da una recente indagine condotta da Microsoft per capire quali nuove opportunità la nuova relazione dei consumatori con il mondo digitale apre alle aziende. Non stupisce che da questa indagine emerga che gli italiani sono mediamente consapevoli che i dati digitali possono essere usati per ottenere benefici o esperienze migliori, e che sono interessati a tecnologie e servizi che filtrino automaticamente contenuti e messaggi per ricevere solo ciò che realmente desiderano.

Ulteriore dato interessante: si fa sempre più forte il desiderio di controllare la propria “narrativa digitale”, scegliendo quali dati rimuovere e quando, e decidendo per quanto tempo le proprie informazioni condivise possano rimanere on line.

In generale, i consumatori sono sempre più inclini a condividere i propri dati personali con i brand con cui interagiscono online, chiedendo però la garanzia che tali informazioni siano utilizzate al solo scopo di poter offrire servizi ritagliati sulle preferenze e sui bisogni individuali, e ovviamente ragionevolmente preautorizzati.

Non c’è che dire: dalla ricerca, gli italiani appaiono come un popolo che sembra sapere ciò che vuole, e che appare più deciso e determinato verso il Digitale di quanto non lo sembri essere in tante altre situazioni, scelte politiche comprese.

Una grande opportunità per le aziende che sapranno trattare con intelligenza e rispetto le informazioni digitali.