ICT-Prospacersirmifida inform
20.06.2016

Bilaterale Francia-Italia sul Digitale a Milano


Un workshop per dare slancio a nuove collaborazioni

 

Nel 2015, le imprese italiane si sono classificate al secondo posto mondiale, dietro gli USA, per i progetti di R&S avviati in Francia. Questo dato dimostra che gli imprenditori italiani hanno saputo cogliere le opportunità offerte dalle riforme varate in Francia a favore delle imprese innovative.
È quanto è emerso lo scorso 8 giugno in un incontro organizzato dall’Agenzia governativa Business France e dalla Camera di Commercio e Industria Francese in Italia, che in collaborazione con Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza hanno proposto un seminario dedicato alla digitalizzazione dell’economia, con due focus settoriali sull’e-health e la fabbrica intelligente.
Dopo i saluti d’apertura da parte del Console generale di Francia a Milano, Olivier Brochet, e del Vice Direttore di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza, Massimo Manelli, l’evento è stato scandito da presentazioni sui programmi di innovazione digitale in essere nei due paesi ed a livello europeo, con contributi della Commissione Europea e Regione Lombardia, testimonianze di esperti e manager di aziende che lavorano con profitto su queste tematiche in Francia e in Italia. L'iniziativa si è posta l'obiettivo di condividere le esperienze e le buone prassi in materia di politiche pubbliche, di strutture e di finanziamento dell’innovazione digitale e dare un impulso a nuove collaborazioni fra imprese innovative francesi ed italiane.
«Siamo convinti che le aziende che sapranno riconoscere il valore strategico della scelta digitale e investire nella produzione interconnessa, assumeranno un ruolo pionieristico e potranno cogliere grandi opportunità nel proprio settore», ha affermato Massimo Manelli, Vice Direttore Generale Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza.
«La digitalizzazione dell’economia rappresenta una priorità strategica nella politica del governo francese, impegnato da diversi anni per creare un ecosistema favorevole alle aziende innovative tramite misure chiave come il Credito d’Imposta per la Ricerca, la French Tech, i Poli di Competitività e cluster dedicati al digitale», ha dichiarato Hervé Pottier, Direttore Business France Invest Italia.
Il piano avviato dalla Presidenza della Repubblica Francese nel 2015, il progetto Industria del Futuro conferma l’impegno della Francia per lo sviluppo dell’economia digitale, con 450 M€ di fondi dedicati alla filiera, con focus su 9 mercati prioritari fra cui la Medicina del Futuro, un mercato strategico, stimato in oltre 20 Mld€ in Francia ed in crescita annua del 20%, gli Oggetti Intelligenti e la Data Economy.
Anche il nuovo piano Creative Industry, dedicato specificamente al settore manifatturiero, conferma la volontà del governo francese di rafforzare l’industrializzazione del Paese tramite la digitalizzazione dei processi industriali.