ICT-Prospacersirmifida inform
18.03.2016

Ingram Micro diventa cinese


HNA paga 6 Mld$ per il leader mondiale della distribuzione

 

Il mercato ci ha ormai abituato a grandi operazioni di consolidamento nel settore della digital technology, e non solo, che travalicano sempre più i confini geografici; e la Cina ci ha abituato alle grandi operazioni finanziarie.
Proprio la conglomerated cinese HNA Group gestisce un’operazione di vastissima portata in area IT, attraverso la sua divisione Tianjin Tianhai Investment: l’acquisizione di Ingram Micro, leader mondiale della distribuzione di prodotti tecnologici e nella supply chain per l’IT. Fondata nel 1979, Ingram Micro è da sempre in prima linea nella distribuzione di pc e altri prodotti tecnologici come stampanti, scanner, tv, monitor e console per videogiochi.
L’operazione ha un controvalore di circa 6 Mld$, che ne fanno uno dei più rilevanti investimenti da parte di una società cinese nel settore IT negli USA; Tianjin Tianhai pagherà 38,9$ per azione, il 39% circa in più rispetto al prezzo medio di chiusura di Ingram Micro in Borsa negli ultimi trenta giorni prima della sigla dell’accordo.
HNA avrà così accesso a nuove opportunità di business nei mercati emergenti e con tassi di crescita più elevati, e aggiungerà alle competenze logistiche quelle di commercializzazione.
Per Ingram Micro, apparentemente nulla cambia in termini pratici: al termine della fusione, che si concretizzerà nella seconda metà dell’anno, il distributore opererà come una filiale di Tianjin Tianhai, mantenendo la propria sede a Irvine, in California. Sembra che saranno confermati anche i vertici, con Alain Monié alla guida.
Proprio il CEO di Ingram Micro sottolinea come la sua società uscirà da questo deal ulteriormente rafforzata: «L’operazione permetterà a Ingram Micro di accelerare gli investimenti strategici, le competenze, le capacità e l'aggiunta di copertura geografica, diventando parte di un'organizzazione che ha capacità logistiche complementari e una forte presenza in Cina».
E il titolo Ingram Micro vola in Borsa, segno che anche il mercato brinda all’intesa.