ICT-Prospacersirmifida inform
12.02.2015

Il 2015: l’anno dell’Internet of Things


Dall’Internet of Everything Italian Forum di CISCO la conferma

 

Il 2015 è l’anno di Internet of Things. Prima funzionava così: per avere Internet bisognava connettersi alla Rete e iniziare a navigare. Preistoria. Oggi la connettività è dovunque e non occorre nemmeno più sforzarsi di trovarla: è la Rete che arriva a noi in qualunque modo e sotto qualunque forma.
Per chi non avesse familiarità con il concetto di Internet of Things, questo comprende tutte le componenti e applicazioni che permettono non solo e non tanto alle persone di parlare con le macchine, quanto agli oggetti di dialogare direttamente tra loro. L'impatto è imponente nella vita di tutti i giorni, in particolare se consideriamo il numero di oggetti che saranno presto comunicanti; già oggi sono nel mondo più di 7 miliardi, e le stime sono di 50 miliardi di dispositivi connessi nel 2020. Dai frigoriferi agli impianti di irrigazione, dai sistemi di sorveglianza a quelli biomedicali, dal monitoraggio industriale a quello energetico, non c’è campo che sia estraneo alla diffusione dell’IoT.
Tutti convinti e tutti allineati su questo fronte i protagonisti dell’Internet of Everything Italian Forum organizzato all’interno di Cisco Live!.
Ma passare dalle promesse e dalle prospettive ai fatti, non è agevole. Molto del successo di questo fronte passa infatti per tre elementi imprescindibili: l’alfabetizzazione informatica, la standardizzazione dei protocolli di comunicazione e la capacità di banda. Mentre sul primo e sul terzo possiamo confidare sia in una "crescita dal basso" sia nelle ricadute dell'Agenda digitale e negli investimenti a piano da parte dei telcos, sul secondo si dovrà mettere mano alla definizione di frequenze disponibili e formati e standard atti a veicolare i dati, il cui moltiplicarsi non aiuta a uscire dall’effetto "torre di Babele".
E ovviamente, l'IT avrà un ruolo chiave nella definizione dei progetti, nel rilascio di piattaforme di monitoraggio, nel rendere concrete e a costi sostenibili le applicazioni.