ICT-Prospacersirmifida inform
28.10.2016

VMware-IBM, intesa vincente




Lo avevano già anticipato nel mese di agosto nel corso del WMWorld e lo hanno confermato anche in Italia, con una conferenza stampa congiunta: IBM e VMware hanno siglato un accordo strategico che rafforza la partnership e le rispettive competenze e punta a facilitare l’adozione del Cloud ibrido.
I due leader annunciano infatti la disponibilità di servizi Cloud rilasciati da IBM tramite piattaforme VMWare, che consentono di spostare rapidamente e facilmente carichi di lavoro nel Cloud. È un progetto a cui IBM e VMware lavorano da tempo, con l’obiettivo di affrontare una delle sfide più urgenti del settore: permettere di spostare agevolmente i carichi di lavoro VMware in essere da ambienti on-premise al Cloud.
Negli ultimi mesi, più di 500 clienti comuni hanno infatti già cominciato a trasferire i propri ambienti VMware nel cloud IBM. Un testimonial di eccezione è il gruppo alberghiero Marriott – leader mondiale con più di 4.500 proprietà in 87 Paesi e territori – che costantemente alla ricerca di modi per innovare e trasformare l'esperienza dei propri ospiti, ha esteso al Cloud IBM la propria fruizione di tecnologie VMware, senza necessità di riprogettare le applicazioni, consentendo ai team di sviluppo la possibilità di concentrarsi sull’innovazione e salvaguardando gli investimenti IT in essere.
«Le aziende hanno bisogno di modi veloci e semplici per distribuire e spostare i carichi di lavoro tra on-premise e ambienti cloud pubblici», ha affermato Robert LeBlanc, Senior VP, IBM Cloud. «La nostra collaborazione con VMware sta diventando la chiave per molte organizzazioni per scalare e creare nuove opportunità di business, sfruttando al meglio gli investimenti IT esistenti in un ambiente cloud ibrido».
In pratica, per la prima volta, l’integrazione di VMware Cloud Foundation in IBM Cloud conferma che il modello dell'infrastruttura SoftLayer rende possibile l’utilizzo di questa tecnologia in modo nativo, consentendo di spostare le applicazioni esistenti nel Cloud senza incorrere nei costi e nei rischi legati alla riorganizzazione delle operation, alla riprogettazione delle applicazioni e alla sicurezza.
Questo annuncio conferma la leadership di mercato di VMware nelle soluzioni di virtualizzazione dei server, di rete e dello storage in una piattaforma integrata, riconosciuta di fatto da IBM come standard di mercato. VMWare da parte sua riconosce a IBM la capacità di indirizzare il mercato con soluzioni Cloud di alto profilo, grazie al suo ampio portfolio di offerta e alla sua divisione Servizi di Infrastruttura, che aiuta le aziende nell’allineamento, integrazione e erogazione delle risorse IT nel Cloud. «Siamo i primi ad offrire VMware Cloud Foundation come servizio completamente automatizzato, con il supporto di più di 4mila professionisti qualificati e pronti ad aiutare i clienti a estendere i propri ambienti VMware nel Cloud», ha affermato Mercer Rowe, VP of Business Development, IBM Cloud.